Never Say no to Panda

Alzi la mano chi non ha mai visto i famosi video di Never Say no to Panda? Una serie di spot pubblicitari usciti nel 2010 per promuovere il formaggio Panda, un noto prodotto caseario della Arab Dairy, marchio gastronomico egiziano. Gli spot ritraggono persone diverse vessate o maltrattate da un Panda subito dopo aver rinunciato, per svariati motivi, all’acquisto o al consumo del formaggio.

La forza dei video in questione e della loro alta viralità sui canali web di tutto il mondo, è dovuta proprio alla situazione surreale che viene raccontata. Il panda, animale di solito associato alla dolcezza e alla bontà, reagisce in modo autoritario e  abbastanza violento alla leggerezza con cui le persone rifiutano il suo prodotto.
Questo crea un effetto straniante e di conseguenza divertente nello spettatore. Effetto che viene amplificato dall’accompagnamento musicale, una canzone sdolcinata di Buddy Holly (True loves away) che parte non appena il Panda comincia ad agire in maniera sconsiderata. La campagna pubblicitaria è stata un successo, tanto che il formaggio Panda è riuscito a farsi conoscere anche al di fuori dei confini egiziani.
Il caso di Never Say no to Panda rappresenta un esempio concreto di come, a volte, la comunicazione possa valicare i confini dentro la quale è rinchiusa diventando un fenomeno pop di Warholiana memoria. In questo caso è il formaggio Panda ad aver ottenuto i suoi 15 minuti di celebrità attraverso uno spot aggressivo, divertente, e spiazzante.